Beppe Strambini: vent’anni di Ink Addiction

Giuseppe Strambini, conosciuto in tutto il mondo come Beppe, è una figura storica del tatuaggio italiano: lavora a Verona, nel suo studio Ink Addiction, aperto ormai vent’anni fa.

Beppe ha iniziato a tatuare “tardi” rispetto a tanti altri, ma con grande dedizione e impegno sul campo. Ha viaggiato molto (in Inghilterra, Stati Uniti e Giappone) ed è riuscito a bruciare le tappe guadagnandosi il rispetto che merita nella scena italiana e internazionale.

InkAddiction Tattoo Shop, Verona
InkAddiction Tattoo Shop, Verona

Ciao Beppe, quest’anno con il tuo studio Ink Addiction tagli l’importante traguardo dei 20 anni di attività: congratulazioni! Vorresti parlarci di come ti sei avvicinato per la prima volta al mondo del tatuaggio?
Certamente. Per me, come per tanti altri, la musica rock e l’heavy metal sono stati gli stimoli più grandi per avvicinarmi al mondo del tatuaggio; anche perché era impossibile non rimanere affascinato dagli artwork di certi dischi e dal look di alcuni musicisti. Una volta fatto il primo tatuaggio è stato come aprire il vaso di Pandora: non sono più riuscito a vivere senza il tatuaggio e nel giro di qualche tempo ho lasciato il mio precedente lavoro per intraprendere la carriera di tatuatore.

Il tatuaggio per me è ancora vera e grande passione; quando mi alzo al mattino non vedo l’ora di arrivare in studio per tatuare e/o disegnare.

Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona
Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona

Quali sono stati i tatuatori che ti hanno maggiormente influenzato e con cui ti senti più in sintonia dal punto di vista artistico e come attitudine?
All’inizio, una grande influenza su di me l’ha avuta il grande Alex Binnie e in generale tutto il team dell’Into You di Londra; sia per quanto riguarda l’approccio completamente nuovo rispetto al tatuaggio che per il mood che si respirava in quel luogo magico. Allo stesso tempo tutta la grande scena californiana degli anni ’90 e quindi Ed Hardy in primis, poi Dan Higgs, Jef Whitehead, Freddy Corbin, Jeff Rassier, Scott Sylvia e Chris Conn. Infine, grande impatto sul mio lavoro lo ha avuto il mio grande amico Theo Mindell dello Spider Murphy’s Tattoo, insieme a Mike Wilson, Tim Lehi e Jason Brooks.

Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona
Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona

I viaggi che hai intrapreso in gioventù per farti tatuare da questi grandi artisti hanno contribuito fortemente nel creare il tuo stile e il tuo gusto artistico; questo senso di ricerca e del “ guadagnarsi” un grande tatuaggio si è perso molto al giorno d’oggi. Di questi tempi sembra più importante avere tutto e subito, piuttosto che avere un lavoro di cui andar fieri per tutta la vita. Sei d’accordo?
Credo che tu abbia proprio ragione. I miei ricordi sono legati a studi di tatuaggi come appunto l’Into You, il Tattoo City, il Temple Tattoo ecc… erano studi che ti facevano sentire catapultato in un mondo nuovo e diverso, fatto di regole proprie e circondato da un alone di rispetto, dal quale era impossibile non rimanere fatalmente affascinati. Vi era una maggiore consapevolezza di cosa rappresentasse uno studio di tatuaggi.

Oggi purtroppo non è più così: è più facile e accessibile per tutti farsi tatuare e si sta perdendo anche il valore del ruolo del tatuatore.

Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona
Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona

I tuoi tatuaggi, sia stilisticamente che a livello di soggetti, sono molto vicini a quelli della scena di San Francisco e a quella texana (di Austin in particolare). È una scelta puramente stilistica o pensi che siano quelli che ti permettono di esprimere al meglio la tua creatività?
Credo che una cosa sia la conseguenza dell’altra. La scena texana e quella californiana sono per me costanti punti di riferimento, soprattutto i lavori dei miei amici Bryan Burk e Adam Warmerdam del Dark Horse Tattoo di Los Angeles; quelli di Jason Brooks, di Ben Siebert e di tutto il Great Wave Tattoo di Austin, senza dimenticare Brian Bruno e Mike Rennie dell’Absolute Art di Richmond (Virginia).

Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona
Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona

I tuoi frequenti viaggi ti hanno permesso di guadagnare grande rispetto e credibilità internazionale e tutto ciò è quotidianamente dimostrato dal continuo via vai di ospiti internazionali nel tuo studio. Tutto ciò oltre a essere motivo di orgoglio per te, sarà anche una continua fonte di stimoli per te e il tuo staff.
Sono stato molto fortunato perché nei miei viaggi ho stretto solide amicizie, con fantastiche persone prima ancora che con bravissimi tatuatori. Avere la possibilità di interagire e di lavorarci a fianco non può che essere di grande stimolo per chi, come me, ha sempre grande voglia di imparare da tutti senza alcun preconcetto. Tutto ciò porta a fare tuoi piccoli accorgimenti che fanno evolvere quotidianamente il mio modo di lavorare; contribuendo in modo fondamentale a mantenere viva la creatività e la passione per questo bellissimo lavoro. Sono davvero grato a ognuno di loro per avermi dato così tanto.

Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona
Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona

L’attuale team dell’Ink Addiction da chi è composto?
Oggi sono con me: Luca Principi, che lavora qui dal 2009, specializzato soprattutto in tribali e black work; Eo Serra, da quando vive a Verona; e Giovanni Concato che, dopo aver lavorato per anni all’estero, ha deciso di unirsi a noi. Naturalmente c’è poi Paolo, che da anni offre il suo prezioso aiuto in studio.

Nel tuo studio non manca mai la buona musica: dallo Stoner Rock, all’Heavy Metal fino alla Disco Music anni ’70. Quali sono le tue passioni, oltre al tatuaggio, e quanto influenzano il tuo lavoro?
La musica è da sempre al mio fianco, sia dentro che fuori dall’Ink Addiction. Mi influenza continuamente e contribuisce a trasmettere il giusto mood allo studio. Oltre alla musica ho una altra passione, il tennis, che cerco di praticare appena possibile.

Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona

Siamo giunti alla fine di questa intervista… Vorresti aggiungere qualcosa?
Credo che ciò che ha sempre caratterizzato l’Ink Addiction in tutti questi anni sia stata la passione per il nostro lavoro e la voglia continua di migliorare e di non accontentarsi mai del livello raggiunto dai nostri lavori. Ho cercato, inoltre, di portare nella mia piccola città i migliori tatuatori, oltre che miei amici, per rendere più accessibile il “meglio del tatuaggio”. Infine vorrei ringraziare tutti per il supporto che ho costantemente ricevuto in tutti questi anni.

Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona
Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona
Beppe Strambini, InkAddiction Tattoo Shop, Verona

Il weekend del 7/8 giugno scorso lo studio Ink Addiction ha festeggiato i 20 anni di attività con una due giorni di tatuaggi walk-in, a cui hanno preso parte – oltre a Beppe Strambini e ai ragazzi del suo staff – anche Josh Palmer del Quarter Horse Tattoo, Oliver Macintosh e Bradley Tompkins del Frith Street Tattoo, Daniel Hoang del Black Horse Tattoo e Gakni Gallo, da Berlino. Immersi in tanta buona musica e una buona dose di birra hanno tatuato tantissime persone, in un clima di festa e amicizia… prima di trasferirsi sul Lago di Garda per terminare i festeggiamenti con una fantastica cena, accompagnata da concerti e dj set.
Tanti auguri per questo importante trafìguardo!

InkAddiction Tattoo Shop, Verona

InkAddiction Tattoo Shop, Verona

InkAddiction Tattoo Shop, Verona InkAddiction Tattoo Shop, Verona InkAddiction Tattoo Shop, Verona InkAddiction Tattoo Shop, Verona InkAddiction Tattoo Shop, Verona
Seguite Beppe e i ragazzi del suo Ink Addiction su Instagram:
Beppe Strambini: @beppestrambini
Luca Principi: @principi_luca
Eo Serra: @eoserra
Giovanni Concato: @giovanni.e13
Le foto della festa sono di Michele Poiana @michele_poiana

The post Beppe Strambini: vent’anni di Ink Addiction appeared first on Tattoo Life.

About the author

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *